This is Aalto. A Professional theme for
architects, construction and interior designers

Call us on +651 464 033 04

531 West Avenue, NY

Mon - Sat 8 AM - 8 PM

Principe Eugenio

Tipologia

Riqualificazione immobile

Luogo

via Principe Eugenio, Milano

Anno

in progress

Superficie

1500 mq appartamenti | 300 mq terrazzi

Cliente

Privato

Head Designer

Arch. Marco Vigo

Construction Management

Ing. Giorgio Piliego

Prestazioni professionali

Concept, progetto architettonico e interior design, direzione lavori

Principe Eugenio

Il progetto si sviluppa su un’area residenziale nelle vicinanze del centro di Milano dove, ad oggi, vi è una palazzina di modeste dimensioni collocata all’interno di un vuoto urbano. Il Piano Regolatore consente, in questo caso specifico, di ricostruire la cortina edilizia che affaccia su via Principe Eugenio.

Questa opportunità viene sfruttata dal progetto proposto partendo da un esistente di circa 400 mq si va quindi a perequare e a collocare la nuova superficie all’interno dell’area per completare il fronte strada.

Il progetto si propone quindi di andare a ricucire questa discontinuità lasciando però memoria della palazzina esistente attraverso l’utilizzo della pietra come materiale di rivestimento in corrispondenza del sedime dell’attuale edificio in pietra e mattoni.

L’ampliamento, di dimensioni considerevoli, si deve però anche raccordare con i due edifici laterali che presentano uno sfalsamento in pianta di circa un metro. Si è deciso perciò di giocare con questo disallineamento creando diversi volumi che interagiscono tra di loro; la parte di sinistra, in pietra grigio scuro, dialoga con l’edificio adiacente mentre la porzione di destra, caratterizzata da un rivestimento di colore bianco, è invece allineata all’edificio di destra.

Il prospetto che ricuce la cortina edilizia presenta una modularità abbastanza regolare data dal modulo inteso come campata tra le murature. Si va a creare così una griglia continua al cui interno vengono inserite delle irregolarità attraverso l’alternanza di aperture e tamponamenti. Grazie alla griglia si riesce ad avere una composizione equilibrata assecondando però allo stesso tempo le necessità che derivano dai layout interni che possono modificarsi nel tempo senza mettere in discussione l’impianto generale del prospetto.

Uno degli elementi fondamentali del nuovo edificio è la scelta accurata dei materiali anche per quanto riguarda i prospetti esterni dove viene utilizzata la pietra per l’attacco a terra dell’edificio, che risulta quindi più materico, e il legno per i tamponamenti che scaldano il prospetto e rendono più accoglienti gli appartamenti. Particolare attenzione è posta inoltre alla scelta dei serramenti dalle proporzioni eleganti e incassati il più possibile per permettere alla luce di entrare all’interno, e alla progettazione dell’ingresso pedonale ma anche carrabile.

A differenza del prospetto che affaccia su via Principe Eugenio, via un po’ trafficata e da cui possono provenire i rumori, il retro si pone su di una corte interna verde molto silenziosa. Per questo motivo questo prospetto è caratterizzato dalla presenza di terrazzi e logge che permettono agli appartamenti di avere uno spazio esterno.

Le norme del regolamento edilizio, inoltre, permettono di avere all’interno un fronte più articolato poiché non siamo più in presenza di una ricostruzione di cortina edilizia, assecondando sempre però i diritti di veduta dei vicini e gli allineamenti degli edifici laterali già esistenti. In questo senso infatti la parte destra del nuovo intervento è svuotata per il rispetto di queste norme e caratterizzata dal rivestimento in pietra grigia mentre la parte centrale è connotata diversamente, con la presenza delle ampie logge che affacciano sul giardino.

La composizione delle logge è caratterizzata da fasce frangisole che creano, in modo sofisticato ed elegante, un gioco di pieni e di vuoti irregolare e che permettono la schermatura dal sole pomeridiano, visto che la facciata interna è esposta a nord-ovest.

L’edificio internamente è composto da un piano interrato riservato ai box auto, un piano terra in cui sono presenti le cantine, i locali tecnici e altri locali di servizi ai residenti, sei piani di appartamenti e una copertura praticabile in parte di proprietà dell’appartamento del sesto piano. I piani più bassi sono caratterizzati da appartamenti di piccolo taglio come bi e trilocali mentre ai piani alti sono presenti quadri-locali e una penthouse al piano sesto.